Vita da novizia


Va così: ti impegni nelle cose, le assumi con serietà, approfondisci, ti dedichi, cercando di farle con competenza, dando loro un significato -magari tralasciando anche cose che sarebbero più importanti per la tua vita personale – e nessun grazie, nessuna forma di riconoscenza, anzi la netta sensazione che quello che resta di te è che sei sempre la solita rompipalle e che quello che resta a te è un senso di frustrazione e di malinconia. Cosa ho cercato veramente? Chi ho cercato? Forse solo me stessa? Forse solo, e ancora, uno sguardo che desse valore alla mia vita? Quel valore che ancora io da sola non so dargli…

Grazie Signore per questa sensazione di avvilimento, perché anche dentro di essa trovo Te, la tua Parola che mi accoglie nella verità di ciò che sono, e mi educa alla ricerca di un solo sguardo, il Tuo, il solo nel quale, al di là di ogni mia comprensione, tutto trova unità, senso e valore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...