Categorie
#stayhuman amore per se stessi

TUTTO



Nessuno ha mai narrato
di quel grido roboante e immane
che nel terzo giorno sovrastò la terra
fino a scuoterne febbrilmente
il magma e il cuore.
Lo Spirito di Dio
si librò potente nell’aria acerba del mattino
sibilando profezie tra le foglie intimorite,
sollevando polvere mista a petali di fiori insonni
e, squarciata la tela del tempo,
chiamò.
La tomba tra fragori e risucchi d’aria
si aprì come un’infera bocca
e dentro
il corpo di Cristo cominciò a vibrare come una lingua urlante.
Tutto l’immenso dolore muto
di chi è morto senza luce,
di chi ha visto morire nell’assurdo
il padre, il figlio, l’amore,
di chi in vita non ha mosso un passo
senza chiedersi tra sé
che senso avesse
l’esistere e il sentire,
tutto, tutto,
pure la segreta sofferenza di chi ha sotterrato il proprio cane sotto un mandorlo,
di chi ha pianto invano su un letto d’ospedale,
di chi ha trascinato via il corpo di un amico
dal campo di battaglia,
e indietro, ancora,
fino alle pene cantate dai bardi,
fino al grido di Achille per Patroclo,
tutto, tutto,
in quella tomba spalancata e vibrante
trovò voce.
Nessuno ha mai raccontato
che le donne ivi giunte con olii e profumi
dopo quell’esplosione squassante di Grazia,
guardando la tomba vuota, pacata,
con quel telo bianco e luminoso
adagiato lieve sul sepolcro,
lasciati a terra gli unguenti e i timori,
scoppiarono in un pianto liberatorio
e gemiti di gioia
abbracciandosi l’un l’altra,
portando incredule le mani alla fronte,
sorridendo e benedicendo il Signore
che non le aveva abbandonate
al mortale destino dell’uomo.
Pur non comprendendo come,
pur sapendo che il Mistero che avevano innanzi sarebbe rimasto tale,
cominciarono fermamente a sperare
che la loro vita, alfine,
potesse davvero avere un senso.

Natalia Piccioni

Categorie
essere donna INCONTRIAMOCI CON LA PAROLA la piccola rivoluzione del quotidiano Pane Quotidiano

Commento al Vangelo di Pasqua 2021Di Maria Giovanna Titone Csj


Il sepolcro vuoto, cosi come tutte le esperienze di assenza o mancanza che sperimentiamo, diventino i luoghi dell’incontro col Risorto!

Buona Pasqua di Resurrezione